domenica 7 febbraio 2010

Frankly blatera.

Voi che credete di andar lontano,
scavando il futuro ignorando il profano.


Io tremo a guardar avanti.

Due matti dietro i miei passi
sostengono il peso degli orchi più avanti,
con gli occhi scavati, le pelli ingiallite.


vi passo di fianco e non mi notate,
sicuri che non servano forche e retate.
Sicuri che il mondo in cui vivete
sia meglio di cio' che non conoscete.

Piegatevi schiavi! Sulle vostre schiene ci stan due balene.
Una di aria e l'altra d'oro,
rinchiudendo in un sacco il vostro patrimonio.


Non guardo innananzi e non guardo indietro,
fisso i miei piedi per vedere che vanno.
Che siano ben saldi nell'erba,
che siano leggeri d'ogni scorta.

Che la strada sia tanta, che il meglio mi segua,
nella mia vita non voglio tregua.